Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. 

Processionarie

 

Le processionarie sono insetti, appartenenti alla famiglia dei lepidotteri, che attaccano tutte le specie di pino, in particolare il pino nero, il pino silvestre ed il pino marittimo. Il loro corpo è ricoperto di peli urticanti che terminano con dei "gancetti" e, se liberati nell'ambiente, possono causare irritazioni cutanee, oculari, alle mucose e alle vie respiratorie. 

L'invito è perciò, per chi fosse entrato in contatto con i peli di processionaria, a presentarsi dal proprio medico.

Anche animali come i cani, che annusano il terreno, possono entrare in contatto con i peli urticanti, o peggio ingerirli, della processionaria. Il primo sintomo evidente è un'improvvisa e forte salivazione a causa dell'infiammazione della bocca seguita da un ingrossamento della lingua. Altri sintomi che si possono riscontrare sono perdita di vivacità, febbre, perdita di appetito, vomito e diarrea. L'infiammazione si può alleviare con abbondanti lavaggi di acqua e bicarbonato e successivamente toccherà al veterinario scegliere le cure adeguate.

Nido di processionarie 
Il pericolo per le piante è invece provocato dalle larve, che si nutrono degli aghi di pino provocando il disseccamento della chioma e la defogliazione anche di forte entità, indebolendole e rendendole quindi più vulnerabili a parassiti secondari.
I loro nidi (nella foto) si presentano dalla fine d'autunno - inizio inverno e sono facilmente riconoscibili e visibili a distanza per via del loro posizionamento sulle cime dei rami e del loro colore bianco brillante. 
 
La lotta alla processionaria è regolamentata dal Decreto Ministeriale 17 aprile 1998.
Da questa pagina potete scaricare la scheda di segnalazione delle avversità forestali da compilare e rinviare via e-mail a omp1@regione.emilia-romagna.it o rispedire via fax al numero 051 353809 o 051 358397.
La lotta a questo lepidottero dipende anche da voi!
 
Per informazioni:
 
Servizio Fitosanitario regionale - SEDE CESENA
Via Leopoldo Lucchi 285 (centro Montefiore) 
47521 Cesena (FC)
tel: 0547 - 639500
fax: 0547 - 382030
e-mail: fitosancesena@regione.emilia-romagna.it